Ospizio Santuario San Giovanni d'Andorno

Opera Pia Laicale di San Giovanni

Il Santuario di San Giovanni d’Andorno è il punto di riferimento spirituale e identitario dell’Alta Valle del Cervo da più di cinque secoli. La prima attestazione documentaria risale al 1512, ma quella testimonianza tramanda una significativa realtà di fede e di umanità ormai consolidata, ovvero già in essere almeno dal Quattrocento. In mezzo millennio l’amore e la devozione per questo luogo speciale e per il suo santo patrono si sono notevolmente ampliati e diffusi a tutto il Biellese e oltre.
Dedicato a San Giovanni Battista, il Santuario della Bürsch è nato intorno al venerato Simulacro del Precursore di Cristo custodito tuttora nella balma, ossia nella grotta, attorno alla quale sono sorti la chiesa e tutti gli edifici che costituiscono il complesso. Tra i pochissimi con tale dedicazione, il Santuario di San Giovanni d’Andorno rappresenta il simbolo, non solo religioso, di appartenenza e di coesione della comunità valligiana. Il Santuario di San Giovanni d’Andorno invita e accoglie tutti per uno straordinario percorso di scoperta nell’ambiente, nella cultura, nella spiritualità e nella storia dell’Alta Valle Cervo.

BOLLETTINO “LA VOCE DI SAN GIOVANNI” – numero 90- FEBBRAIO 2024

Il nostro bollettino è disponibile anche online!
E’ possibile scaricare il pdf del bollettino direttamente da questa pagina.

   

FESTEGGIAMENTI PER LA NATIVITA’ DI SAN GIOVANNI BATTISTA

SABATO 22 – Vigilia: ore 11 Santa Messa con i sacerdoti e diaconi della Zona Pastorale Valle Cervo presieduta da don Renato Bertolla parroco di Miagliano e Sagliano Micca che festeggia quest’anno 60 anni di ordinazione sacerdotale e don Giuseppe Lajolo parroco di Piedicavallo che festeggia 55 anni di ordinazione sacerdotale
. ore 17 Prima Santa Messa festiva celebrata da don Paolo Santacaterina rettore del Santuario
. ore 21 Chiesa parrocchiale di Rosazza – “PICAPERE” Spettacolo musicale a cura di Accordi in Valle in onore di San Giovan¬ni Battista e per le Manifestazioni della “Valle dell’acqua” e della “Notte romantica dei Borghi più belli d’Italia”.

DOMENICA 23 – FESTA SAN GIOVANNI:
. ore 11 Santa Messa solenne presieduta da Mons. Roberto Farinella Vescovo di Biella con la parte¬cipazione dell’Amministrazione O.P.L. San Giovanni Battista, l’Associazione Amici di San Giovanni, Sindaci, Autorità, Alpini, Valëtte an Ĝipoun e fedeli. Animerà il coro Accordi in Valle. Si ricorderanno i 30 anni di ordinazione sacerdotale del Vescovo.
. ore 15.30 Tradizionale Benedizione dei Bambini per intercessione di San Giovanni Battista loro patrono.
. ore 17 Santa Messa solenne celebrata da don Italo Molinaro sacerdote che svolge la sua attività in Svizzera di origini della Valle Cervo
Durante il giorno Banco di vendita pro Santuario a cura dell’Associazione Amici di San Giovanni

LUNEDI’ 24 – Giorno liturgico: ore 17 Santa Messa presieduta dal Canonico don Luigi Tajana parroco di Bioglio, Piatto e Ternengo che festeggia 25 anni di sacerdozio

INSIEME CE LA FAREMO!

Al Santuario di San Giovanni dopo gli eventi catastrofici del 4 ottobre 2020 che hanno causato il collassamento di 3 piani dell’Ala Pellegrini, rendendo inagibili i locali mostre al primo piano e 10 camere della struttura alberghiera, si guarda con fiducia al futuro perché sono diversi i segnali che supportano tale affermazione di ottimismo:
– I lavori di ricostruzione sono terminati ad esclusione del rivestimento in muratura in pietra lungo la strada pertanto la struttura alberghiera riaprirà a Pasqua il bar ristorante e dal 24 aprile anche l’albergo
– Anche la strada è stata riaperta dall’11 gennaio fino al Rio Bele.
La Provincia ha appaltato i lavori di messa in sicurezza del versante in particolare sui Rii Bele e Colombari pertanto molto probabilmente la strada rimarrà chiusa al traffico veicolare per quest’anno, si spera che venga consentito il transito a pedoni e ciclisti.
Resta la criticità alla Galleria dove per raggiungere la Locanda si deve lasciare l’auto all’imbocco lato Oropa ( per il quarto anno e senza motivazioni plausibili).
– Anche le sale mostre al primo piano sono state ricostruite più attraenti di prima e da giugno è già in programma una mostra turistico ecologica sul tema del bosco e dalla preservazione del territorio.
– Le cappelle del Sacro Monte sono state messe in sicurezza grazie ad un finanziamento di 150.000 € legato ad un bando PNRR e verranno inaugurate il 23 giugno in occasione dell’evento “La Valle dell’acqua”, ci sarà anche una pubblicazione ed un programma digitalizzato QR code anche in Braille.
– Sul piano culturale il Centro Documentazione Alta Valle Cervo sta catalogando i libri ed i documenti della biblioteca dello studioso filantropo prof. Gustavo Buratti detto Tavo Burat che ha lasciato un patrimonio di circa 6000 volumi e documenti storici incentrati sullo studio delle minoranze etniche e linguistiche di tutto il mondo con particolare riguardo alla lingua e tradizioni piemontesi, il materiale è già a San Giovanni e deve essere catalogato e messo in ordine in uno dei due saloni della biblioteca.
– Da fine luglio fino ad agosto ci sarà la quarta edizione del Bursch in Festival che quest’anno sarà incentrato sul tema delle radici della popolazione della Bursch che ha emigrato e vedrà la partecipazione dei comuni di Tavigliano, Sagliano, Campiglia, Rosazza e Piedicavallo con la formula dei tre momenti: teatrale, musicale, documentale.
Il 7 luglio ci sarà la manifestazione legata al primo centenario del Parco della Rimembranza promossa dai gruppi alpini Valle del Cervo e Piedicavallo che inaugureranno l’impianto di illuminazione del parco con una nuova cartellonistica esplicativa.
– Anche quest’anno la Fondazione partecipa alla Rete Museale pertanto da giugno ad ottobre saranno disponibili le guide per la visita al Santuario e sue pertinenze
– Grazie ad un contributo della CEI e della Fondazione CRB è stato smontato l’organo che verrà restaurato dalla ditta Rigola Alessandro di Biella uno dei pochi artigiani specializzati in Italia sotto le direttive della Soprintendenza, si vuole completare i lavori entro maggio 2025 per inaugurarlo in occasione della festa di San Giovanni con un concerto speciale.
– Il costo è di 65.000 €, ne mancano circa 25.000 € e si sta valutando di indire una raccolta fondi confidando nel buon cuore e nell’attaccamento a San Giovanni dei fedeli della Valle. Confidiamo in una buona stagione che porti tanti turisti e pellegrini a San Giovanni.
IL Presidente Pier Luigi Touscoz